Consumo eccessivo di carne rossa e salute: nuovi dati su BMJ

OggiScienza

Un consumo di grandi quantità di carni rosse sembra essere associato a un aumento di mortalità. Crediti immagine: Public Domain

SALUTE – Ancora una volta le evidenze suggeriscono che consumare carne non fa male di per sé, ma che un consumo eccessivo di certo non fa bene. Insomma, come è emerso anche un anno e mezzo fa a proposito della questione della cancerogenicità della carne rossa, tutto dipende dalla quantità e dalla frequenza con cui ne facciamo uso.
In questi giorni la rivista BMJ ha pubblicato uno studio che conferma ancora una volta che il consumo massiccio di carne rossa e lavorata – cioè fondamentalmente gli insaccati – è associato con un aumento della mortalità. Un risultato che ha fatto parlare Fiona Godlee, editor in chief di BMJ di “another inconvenient truth”, un’altra verità scomoda.

Si tratta di una ricerca che ha riguardato oltre 536 000 americani…

View original post 591 altre parole

Nuovo rapporto OMS: inquinamento oltre i limiti per nove persone su dieci

Reblogged from Scienza in Rete

Qualche giorno fa l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato gli ultimi dati sull’inquinamento dell’aria, aggiornati a dicembre 2015, e ancora una volta l’allarme è netto: meno di una persona su 10 nel mondo respira un’aria che rispetta le più recenti linee guida in materia di inquinamento da PM10 e PM2.5.

Una situazione che porta con sé conseguenze importanti per la salute della popolazione: oltre 3 milioni di morti nel 2012 dovute a malattie croniche riconducibili all’inquinamento ambientale e se si considera anche l’inquinamento “indoor” cioè quello domestico, il numero di morti annue sale a 6.5 milioni. Un dato quest’ultimo che apparentemente può sembrare “confortante”, dal momento che qualche mese fa sempre l’OMS parlava di 7 milioni di morti annue, ma – precisa l’OMS – la differenza è dovuta solamente a una migliore quantificazione proposta in quest’ultimo rapporto, che per la prima volta raccoglie i dati paese per paese. Niente a che vedere dunque con un miglioramento della qualità dell’aria.

Read More