Il labile confine tra riservatezza ed esposizione

Reblogged from Forward – Recenti Progressi in Medicina

È innegabile che l’uso dei big data offra potenzialmente opportunità enormi anche per il settore sanitario e che stiano rivoluzionando il nostro modo di essere cittadini e pazienti. Flussi sempre maggiori di dati permettono di definire trend e tendenze, intercettare i bisogni dei cittadini, anticipare eventuali problemi nell’ambito della sanità pubblica, per esempio di carattere epidemiologico, per non parlare dei conseguenti vantaggi in termini di costi. L’aggettivo “big” si applica, infatti, al concetto di informazione in tre direzioni: dal punto di vista del volume di dati che si possono raccogliere (quantità), dell’alta variabilità di queste informazioni (cioè dalla provenienza contemporanea da più fonti) e, infine, dalla velocità con cui i dati possono essere raccolti, condivisi e interpretati.

Tuttavia, big è anche il divario fra le emergenti opportunità che questo paradigma porta con sé e la nostra capacità di far fronte ai problemi che esso ci pone, per primi quelli riguardanti la sicurezza e la privacy del titolare dei dati, che rimane sempre l’individuo. È importante precisare che privacy e sicurezza non sono sinonimi: la sicurezza è essenziale per garantire la privacy. Stiamo vivendo in un mondo a due velocità, dove la “gara” fra le tecnologie pensate per garantire la sicurezza dei sistemi informatici in termini di privacy e l’attività di hacker e truffatori assomiglia a quella fra Achille e la tartaruga. Per non parlare dei problemi strutturali intrinsechi all’utilizzo di sistemi informatici per lo stoccaggio e il trattamento dei nostri dati, per esempio quelli che scegliamo più o meno consapevolmente di condividere attraverso app e device.

Read More

Annunci

Il prezzo della salute: quando la sanità è raccontata con i big data

OggiScienza

800px-Regular_strength_enteric_coated_aspirin_tablets SALUTE – Al festival internazionale del giornalismo di Perugia quest’anno si è parlato parecchio di datajournalism , ovvero quanto le storie sono raccontate a partire dalla raccolta, dall’organizzazione e dall’analisi dei dati. In particolare i dati cosiddetti “chiusi”, spesso riguardanti i cittadini, ma altrettanto spesso non accessibili ai cittadini stessi.

Tra i dati più interessanti ci sono senza dubbio quelli riguardanti la sanità e proprio di questo si è parlato il 2 maggio scorso in un panel intitolato Il prezzo della salute: pazienti e ospedali raccontati attraverso i dati, nel quale sono intervenuti David Donald, data editor del Centro per l’Integrità Pubblica statunitense, un centro no profit per il giornalismo, Paul Radu, giornalista investigativo dell’OCCRP (Organized Crime and Corruption Reporting Project) e infine Guido Romeo di Wired Italia e Marco Boscolo, giornalista freelance, che hanno raccontato l’inchiesta #doveticuri, pubblicata su Wired nel corso…

View original post 889 altre parole