Storytelling beyond Google

Don’t forget the journalism in data journalism

storytellingQuesto lo slogan della seconda settimana del MOOC in Data Driven Journalism del Knight Center che sto frequentando. Questa settimana il focus è infatti “Getting tha data and finding stories“, il cosiddetto storytelling, insomma.

Non è certo mia intenzione riassumere il contenuto dell’intera settimana, mi limito solamente a elencare qui alcuni tools molto interessanti e poco conosciuti, che vale decisamente la pena esplorare per rispondere alla domanda “where to find data and how to use it”, un primo passo decisivo per trovare una storia interessante da raccontare e da cui partire.

Questo elenco è tratto da “Beyond Google“, un lavoro di Margot Williams, data journalist presso NPR News Investigations , che dimostra come la ricerca di informazioni nel web non sia necessariamente sinonimo di Google Search. E mi sembra che questo lungo elenco non lasci spazio a ipotesi di falsificazione!

I link sono suddivisi in base all’obiettivo: indagare su una persona, una compagnia, ottenere dati pubblici, navigare in archivi nazionali, approfondire come si articolano i vari FOIA in giro per il mondo, e molto altro. Una caterva di occasioni per trovare storie da raccontare. Per non dimenticare il journalism, appunto, nel datajournalism.

Enjoy!

***Find a person:

Find a person: Work

Search Public Records

Corporation Research

Non-Profits/Charities

Watchlists, Wanted & Missing Persons Lists

Data and Statistics

International planes & ships finders

Interesting Databases

FOIAs, leaks and deletes

Lobbying for US and non-US interests

Senate Office of Public Records Lobbying Disclosure Act http://www.senate.gov/legislative/Public_Disclosure/LDA_reports.htm

  • US State Dept. Foreign Agents Registration Act (FARA) since 1940s

http://www.usdoj.gov/criminal/fara/

US Lawmakers & Officials Disclosure

Ethics.data.gov  http://ethics.data.gov

Legistorm http://www.legistorm.com

Office of Government Ethics http://www.oge.gov/Open-Government/Access-Records/Current-Executive-Branch-Nominations-and-Appointments/

Center for Responsive Politics http://www.opensecrets.org/pfds/

Campaign Finance FEC http://www.fec.gov/disclosure.shtml

National Archives

Digital library access

Web Research Updates

Credits: http://www.syncropr.com/blog/wp-content/uploads/2012/08/Storytelling.jpg

Annunci

Data Driven Journalism: the basics

wordle for data gatherSi comincia. Oggi, 12 agosto ha inizio il nuovo MOOC del Knight Center for Journalism, US. Un corso di 5 settimane (12 agosto-16 settembre) per entrare nei meandri di questa forma di giornalismo che si chiama Data Driven Journalism, o più semplicemente Datajournalism. E’ pazzesco come iscrivendomi ho scoperto di essere una del 2600 partecipanti da ben 120 paesi! Personalmente lo trovo meraviglioso. 2600 persone che si occupano di giornalismo – chi alle prime armi, chi già affermato – da ogni parte del mondo che diventano membri di un’unica classe e che condividono esperienze passate, presenti e progetti futuri. Come se avessero preso un aereo, fossero sbarcati in US e si trovassero veramente tutti insieme in una nuova avventura. E il tutto senza muoversi da casa propria. E gratuitamente. Io ad esempio mi trovo in montagna, sulle Dolomiti, in un paesino, che è il mio paese natale, in cui una buona parte della popolazione non ha nemmeno un pc in casa e in cui parlare di una possibilità come questa è ancora pura fantascienza. Mi piace immaginare i miei nuovi “compagni” che in questo momento stanno seguendo le lezioni magari sdraiati su un’amaca alle Bahamas, oppure in un loft ultra chic a NY. O chi – leggo dai messaggi che arrivano sul forum del corso – in questo momento si gode i rumori di Johannesburg.

Questa prima settimana la “teacher” è Amy Schmitz Weiss, della San Diego State University, che ci farà un’introduzione al corso. Questi invece gli appuntamenti delle prossime settimane:

imagesPuntuali come promesso, stamattina appena sveglia ho trovato i materiali delle lezioni, i video, gli articoli e i forum a cui partecipare e il quiz di fine settimana che – una volta superato – permette di ottenere il certificato di partecipazione al corso.

Ma entrando nel merito, ecco i primi due testi consigliati, che condivido volentieri qui:

How to get started in data journalism, preso dal sito Journalism.co.uk

– How to be a data journalist, dal Databog del Guardian.

Inoltre, una degli iscritti ha aperto un gruppo Facebook per condividere l’esperienza e conoscere nuovi possibili colleghi da tutto il mondo. Perchè, come dice sempre il mio ex docente Sergio Maistrello: “siate nodi”!

E stay tuned per i prossimi aggiornamenti.

Credits: journalism.co.uk and Sophia Vanco’s Blog.