Tag

, ,

wordle for data gatherSi comincia. Oggi, 12 agosto ha inizio il nuovo MOOC del Knight Center for Journalism, US. Un corso di 5 settimane (12 agosto-16 settembre) per entrare nei meandri di questa forma di giornalismo che si chiama Data Driven Journalism, o più semplicemente Datajournalism. E’ pazzesco come iscrivendomi ho scoperto di essere una del 2600 partecipanti da ben 120 paesi! Personalmente lo trovo meraviglioso. 2600 persone che si occupano di giornalismo – chi alle prime armi, chi già affermato – da ogni parte del mondo che diventano membri di un’unica classe e che condividono esperienze passate, presenti e progetti futuri. Come se avessero preso un aereo, fossero sbarcati in US e si trovassero veramente tutti insieme in una nuova avventura. E il tutto senza muoversi da casa propria. E gratuitamente. Io ad esempio mi trovo in montagna, sulle Dolomiti, in un paesino, che è il mio paese natale, in cui una buona parte della popolazione non ha nemmeno un pc in casa e in cui parlare di una possibilità come questa è ancora pura fantascienza. Mi piace immaginare i miei nuovi “compagni” che in questo momento stanno seguendo le lezioni magari sdraiati su un’amaca alle Bahamas, oppure in un loft ultra chic a NY. O chi – leggo dai messaggi che arrivano sul forum del corso – in questo momento si gode i rumori di Johannesburg.

Questa prima settimana la “teacher” è Amy Schmitz Weiss, della San Diego State University, che ci farà un’introduzione al corso. Questi invece gli appuntamenti delle prossime settimane:

imagesPuntuali come promesso, stamattina appena sveglia ho trovato i materiali delle lezioni, i video, gli articoli e i forum a cui partecipare e il quiz di fine settimana che – una volta superato – permette di ottenere il certificato di partecipazione al corso.

Ma entrando nel merito, ecco i primi due testi consigliati, che condivido volentieri qui:

How to get started in data journalism, preso dal sito Journalism.co.uk

– How to be a data journalist, dal Databog del Guardian.

Inoltre, una degli iscritti ha aperto un gruppo Facebook per condividere l’esperienza e conoscere nuovi possibili colleghi da tutto il mondo. Perchè, come dice sempre il mio ex docente Sergio Maistrello: “siate nodi”!

E stay tuned per i prossimi aggiornamenti.

Credits: journalism.co.uk and Sophia Vanco’s Blog.

Annunci