Tag

, , , ,

OggiScienza

Secondo quanto riportano gli autori su PLOS ONE, i dati dal 2009-2014 mostrano una continua diffusa resistenza alla penicillina, alla tetraciclina e alla ciprofloxacina nel trattamento della gonorrea. Crediti immagine: Pixabay

SALUTE – Lo ha annunciato nientemeno che l’Organizzazione Mondiale della Sanità con un articolo pubblicato il 7 luglio scorso su PLOS ONE: i casi di gonorrea resistente agli antibiotici sono in aumento, e i numeri di quest’incidenza sono preoccupanti: oltre il 60% dei paesi del mondo dove sono attivi sistemi di sorveglianza sull’antibiotico-resistenza riportano casi di gonorrea resistente agli antibiotici. Fra i paesi presi in esame dall’OMS su scala globale, il 97% ha riportato casi che erano resistenti alla ciprofloxacina, il trattamento più economico e più ampiamente disponibile, l’ 81% ha riportato casi di gonorrea resistenti all’azitromicina, e il 66% alle cefalosporine. Serve iniziare a pensare a nuovi farmaci in grado di curare queste nuove forme di gonorrea…

View original post 1.004 altre parole

Annunci