OggiScienza

6800805548_b8fd3c5791_z
RICERCA – Due laboratori cinesi sono riusciti in maniera indipendente a trasformare le cellule della pelle in neuroni, il primo gruppo utilizzando cellule umane provenienti da individui malati di Alzheimer, e il secondo gruppo a partire da cellule di topo. In entrambi i casi per questa metamorfosi non è servito altro che un “cocktail” di composti chimici, che era l’ipotesi che i ricercatori si erano proposti di verificare. Entrambi gli studi sono stati pubblicati su Cell Stem Cell.

L’obiettivo degli autori era capire se i metodi chimici potessero fornire una valida alternativa ai metodi utilizzati tradizionalmente, che fanno uso di fattori di trascrizione.

“Le piccole molecole sono in grado di modulare la trascrizione neuronale e quindi favorire la transizione” racconta Jian Zhao della Tongji University.

Questo studio mostra inoltre che un protocollo che fa uso solo di agenti chimici funziona anche nel caso in cui le cellule della pelle provengano…

View original post 282 altre parole

Annunci