Einstein aveva torto sull’azione a distanza?

OggiScienza

Schermata 2015-04-02 alle 10.46.03
SCOPERTE – Sì, aveva torto, ma non è questa la novità. Che l’intuizione di Einstein a proposito della località non fosse corretta è cosa nota già dal 1964, quando il fisico John Bell pubblicò “On the Einstein-Podolsky-Rosen paradox”, secondo cui nessuna teoria a variabili nascoste, cioè nessuna prospettiva realista à la Einstein poteva riprodurre tutte le previsioni statistiche della meccanica quantistica.
Quello che un team giapponese e australiano è recentemente riuscito a fare è invece dimostrare che l’intuizione del fisico di Ulm circa la relazione a distanza era errata utilizzando un metodo sperimentale nuovo: un apparato con un solo fotone, mentre fino a oggi si era soliti usare apparati con due fotoni.
In altre parole, i ricercatori sono riusciti a verificare quello che prevede la meccanica quantistica circa la relazione fra due particelle non in contatto fra di loro, usando solo una particella, un fotone. Lo studio è…

View original post 654 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...