Perché questa galassia è finita su Nature

OggiScienza

Location of the distant dusty galaxy  A1689-zD1 behind the galaxRICERCA – Non tutte le osservazioni astronomiche di polveri galattiche finiscono pubblicate su Nature, ma questa fa eccezione, perché riguarda l’età delle galassie e quindi del nostro universo, aprendo la strada a nuove ipotesi che potrebbero avere implicazioni sulle nostre conoscenze sulla formazione dei pianeti.

Quello che un gruppo di ricercatori coordinato dall’astrofisico Darach Watson del Niels Bohr Institute e dell’università di Copenhagen ha scoperto osservando una galassia molto lontana da noi chiamata A1689-ZD1, che secondo le previsioni non avrebbe dovuto mostrare la presenza di polveri, è che la galassia in questione è in realtà molto più evoluta di quanto ci si aspettasse in quanto ricca di queste polveri, ossia di grani composti prevalentemente di carbonio, ossigeno, silicio prodotti al centro delle stelle e diffusi nel mezzo circostante alla morte delle stelle.
Anzi, A1689-ZD1 è la galassia più antica in cui fino a oggi si sia osservata la presenza di polveri…

View original post 589 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...