Immobiliare: il mercato in calo nonostante il Plafond Casa

Reblogged from WIRED ITALIA

Male il sud con il 10% in meno rispetto al 2012, mentre a pagare le rate del mutuo più salate sono i cittadini del centro Italia

Il Plafond Casa è partito da un mese. Lo scopo è dare una possibilità in più alle famiglie di ottenere un mutuo a tasso agevolato per l’acquisto della prima casa o per effettuare ristrutturazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica. Il Governo Renzi, ha stanziato infatti 2 miliardi di euro che verranno presi dalla Cassa depositi e prestiti e messi a disposizione delle banche, perché queste ultime possano erogare mutui agevolati. Una convenzione dunque tra la Cassa depositi e prestiti e le banche aderenti che permetterà ai cittadini che posseggono certi requisiti, come come coppie giovani o che hanno un disabile in famiglia, di ottenere un mutuo a lungo termine, fino a 30 anni, a condizioni più favorevoli.

Il Plafond casa prevede un massimo di 100 mila euro per interventi di ristrutturazione, 250 mila euro per l’acquisto di un’abitazione principale senza interventi di ristrutturazione e 350 mila euro per l’acquisto di un’abitazione principale con accrescimento dell’efficienza energetica sulla stessa abitazione, il tutto con finanziamenti rimborsati a 10, 20 o 30 anni. L’accesso è semplice: si tratta di recarsi in una delle banche aderenti e richiedere di poter accedere all’agevolazione; ogni banca poi deciderà in base ai propri regolamenti interni se c’è la possibilità di erogare o meno il mutuo. L’accesso infatti sarà “a sportello” fino a esaurimento dei finanziamenti, che sono fissati a 150 milioni di euro per ciascuna banca aderente.

L’accesso è semplice dunque, almeno sulla carta. Dal punto di vista pratico però sembra che l’esistenza del Plafond non sia stata ancora pienamente recepita. Come si legge da un aggiornamentodatato 19 marzo sul sito web personale del Ministro Maurizio Lupi che è stato tra i promotori del Plafond, ad oggi si segnalano casi di ‘Cittadini che si sono presentati allo sportello delle banche che hanno aderito al Plafond casa per richiedere il mutuo per l’acquisto della prima casa o per la ristrutturazione e che si sono sentiti rispondere “Non ne sappiamo nulla”’. Il ministro Lupi però rassicura: “Ho girato queste mail a CDP e all’ABI perché verifichino che cosa è successo e risolvano il problema.”

Read more

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...