OggiScienza

Miniature_perfume_dispensers_(375287267)CRONACA – Cosa hanno in comune il malto, le mele, il gorgonzola e le violette? Ebbene, non è l’indovinello settimanale di un noto giornale enigmistico, ma una domanda a cui la scienza ha recentemente dato risposta.

Alcuni ricercatori del The New Zealand Institute for Plant and Food Research di Auckland, hanno individuato la presenza di una diversità genetica alla base delle differenze di sensibilità dell’olfatto nei diversi individui.
Nei due studiin questione – pubblicati entrambi di recente su Current Biololgy – gli scienziati hanno considerato un campione di quasi 200 persone, analizzando la loro sensibilità a una decina di diversi composti chimici che si trovano comunemente negli alimenti. Attraverso un approccio noto come genome-wide association study (o GWAS), ampiamente utilizzato per identificare le differenze genetiche, il team ha poi cercato di capire se ci fossero alcune porzioni di DNA che facevano sì che alcune persone riuscissero a percepire l’odore…

View original post 246 altre parole

Annunci