Quante persone si sono re-infettate dopo il vaccino? Cosa dicono i dati Iss

Questo oggi è un argomento molto delicato, ed è necessario per questo essere chiari su un punto: l’utilità del vaccino non è fermare il contagio, non in questa fase, ma evitare che la persona vaccinata presenti esiti gravi della malattia. In altre parole, vaccinandomi non significa che io non possa contagiarmi risultando così positivo e potenzialmente contagioso per altri. Significa solo che se mi contagio, la probabilità di ammalarmi gravemente di Covid-19 è molto, ma molto più bassa di quella di una persona non vaccinata. Non nulla, ma estremamente più bassa. È evidente che questo vantaggio riguarda soprattutto le persone che altrimenti, se non vaccinate, sarebbero a rischio di sviluppare la malattia, come gli anziani e i fragili.

Continua su Il Sole 24 Ore ma i grafici free sono qui.

Vaccinazioni, quali Regioni seguono le raccomandazioni del Commissario Figliuolo? Quasi nessuna

A oggi quasi tutte (non tutte) le regioni hanno aperto le prenotazioni per vaccinare le persone 60-69 anni senza fragilità, e alcune di esse – per esempio il Veneto – il 29 aprile inizierà le somministrazioni vere e proprie della prima dose.

Una scelta diversa da quanto raccomandato dalla Struttura Commissariale Nazionale. Il Comunicato n. 27 della Struttura Commissariale del 21 aprile era stato chiaro: si raccomandava alle Regioni e alle Province autonome di attenersi puntualmente al dettato dell’ordinanza n. 6, del 9 aprile, fino ad assicurare la copertura delle categorie in essa indicate, senza estendere – fino a nuove disposizioni – le prenotazioni a soggetti di età inferiore a 60 anni. Insomma:priorità alle persone fragili e alle classi di età più esposte al Covid19.

Dai dati in possesso della Struttura Commissariale era emerso che le categorie poste in priorità dall’ordinanza n. 6 del 9 aprile (persone fragili ed appartenenti alle classi di età più esposte e vulnerabili qualora infettate dal virus SARS-CoV-2) non risultavano ancora coperte da vaccino in proporzione tale da garantire, ad oggi, la loro messa in sicurezza.

Continua su Il Sole 24 Ore

Comunicare la sanità sui social media: iscrizioni scontatissime entro il 30 aprile!

Cari e care,


Ricordiamo a chi ci ha scritto perché si voleva iscrivere a HealthCom Program, il nostro corso sulla comunicazione sanitaria sui social media che le iscrizioni sono ancora scontate per qualche giorno, entro il 30aprile.

—> Scopri i corsi BASE, AVANZATO e COMPLETO! <—


Qui rispondo alle Domande più frequenti che ci sono giunte in queste settimane:


☑️ HCP è un corso pratico per promuovere la tua attività in sanità, sia sui social che fuori dai social.


☑️ Quando dico pratico intendo davvero pratico: insegniamo tutti gli strumenti social e non per imparare a strutturare da sé la propria strategia, a seconda delle specifiche esigenze.


☑️Sì corso è aperto a TUTTE le professioni che ruotano intorno al mondo sanitario. Abbiamo avuto negli anni medici, infermieri, farmacisti, comunicatori della scienza e giornalisti, uffici stampa, personale di ASL, uffici marketing di centri medici, specialisti liberi professionisti, personale di istituto zooprofilattico, studenti di comunicazione, personale di associazioni pazienti, studenti in specializzazione medica.


☑️ Sì, le lezioni sono live, ma vengono registrate e rimangono disponibili per gli iscritti durante e anche dopo il corso.


☑️ Sì, il corso rilascia un regolare attestato da mettere in CV.


☑️ Sì, c’è sempre confronto fra di voi e con me, anche privatamente per capire come mettere in pratica da subito quanto appreso.


☑️ Sì, il pagamento è rateizzabile.


Tutte le info sul nostro sito e se sei curioso/a, puoi partecipare al nostro gruppo Facebook HealthCom Program – Class!.

Vi aspetto!

Cristina

[Webinar gratuito] COME COMUNICARE LA SALUTE AI GIOVANISSIMI?

Sfido ognuno di noi a dire che almeno una volta non si è posto la domanda “ma come li raggiungo i giovanissimi?”

Giovedì 15 aprile alle 18 abbiamo organizzato un webinar gratuito di un’oretta con Eugenio Santoro, Ricercatore in Informatica Medica dell'”Istituto Mario Negri” di Milano che condividerà gli esiti delle sue ultime ricerche su comunicazione sanitaria su YouTube e TikTok.

ISCRIZIONI QUI