I vaccini proteggono dalle varianti del coronavirus? Quel che sappiamo finora

Negli stessi giorni in cui in Europa iniziavamo a vaccinare, arrivavano le prime notizie su alcune varianti – principalmente quella inglese e quella sudafricana, e da pochi giorni quella giapponese – particolarmente inquietanti per capacità di diffusione. Stando all’ultimo bollettino settimanale dell’Oms, al 5 gennaio 2021, la variante VOC-202012/01 inizialmente rilevata nel Regno Unito (denominata B.1.1.7 ) è stata rilevata in un piccolo numero di casi in altri 40 paesi in cinque delle sei regioni dell’Oms.

A settembre 2020, questa variante rappresentava solo una su quattro nuove diagnosi di Covid-19, mentre a metà dicembre questa era aumentata a quasi due terzi dei nuovi casi a Londra. In un documento diffuso in questi giorni dal Governo britannico, dal titolo Investigation of novel SARS-CoV-2 variant Variant of Concern 202012/01 emerge fra le altre cose che se prima un positivo trasmetteva il virus a circa il 10% dei contatti, con la nuova variante lo trasmette a circa il 15%:ciò significa un aumento di contagiosità del 50 per cento.

Continua su Il Sole 24 Ore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...