Un quinto delle morti nel mondo è per sepsi. E pensare che basterebbe lavarsi le mani

A gennaio 2020 la rivista Lancet ha pubblicato per la prima volta i dati provenienti dall’enorme database Global Burden of Disease, relativi all’incidenza e alla mortalità per sepsi nel mondo negli ultimi trent’anni, dal 1990 al 2017. Il risultato è allarmante: nel 2017, sono stati registrati in tutto il mondo 48,9 milioni di casi di sepsi e 11 milioni di decessi correlati: il 19,7% di tutti i decessi globali. In altre parole una morte su cinque nel mondo è dovuta a sepsi, con tassi maggiori nei paesi più poveri. L’onere più alto si registra in Africa sub-sahariana, in Oceania e nel continente asiatico. Per fare un paragone, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima circa 15 milioni di morti l’anno per infarto o ictus, mentre 18 milioni sarebbero i morti per tumore nel mondo nel 2016.

Continua su Oggiscienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...