Antibiotico resistenza in Europa: cosa è cambiato (in peggio) in soli tre anni

Nel complesso per la maggior parte delle combinazioni di gruppi batterici-antimicrobici, le variazioni nelle percentuali di resistenza tra il 2015 e il 2018 sono state moderate e la resistenza è rimasta ai livelli elevati precedentemente riportati, con qualche allarmante eccezione che riguarda anche l’Italia.

Come negli ultimi anni, anche nel 2018 la situazione della resistenza antimicrobica in Europa presenta ampie variazioni, a seconda delle specie batteriche, del gruppo antimicrobico e della regione geografica. Per diverse combinazioni di gruppi batterici specie antimicrobiche, è evidente un gradiente da nord a sud e da ovest a est. In generale,percentuali di resistenza inferiori sono state segnalate dai paesi del nord, mentre percentuali più elevate sono state riportate nel sud e nell’est dell’Europa. Tra il 2015 e il 2018, ci sono state piccole ma significative tendenze decrescenti nelle percentuali medie ponderatesulla popolazione europea per la resistenza all’aminopenicillina, la resistenza agli aminoglicosidi e la resistenza ai carbapenemi, mentre le tendenze della resistenza ai fluorochinoloni e alle cefalosporine di terza generazione sono aumentate significativamente nello stesso periodo.

Continua su Il Sole 24 Ore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...