Stiamo sconfiggendo la Tubercolosi troppo lentamente

SALUTE – Secondo quanto emerge da un rapporto pubblicato dall’ECDC il 24 marzo scorso in occasione della Giornata Mondiale sulla Tubercolosi, il numero di nuove diagnosi nella regione europea è sceso del 4,3% ogni anno nell’ultimo decennio, ma si tratta di un progresso troppo lento rispetto a quanto prevedono la Strategia End TB delle Nazioni Unite e gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile per il 2030. Nel complesso in dieci anni i casi di TB sono diminuiti di un terzo, passando dai 410 mila del 2007 ai 290 mila del 2016.

Nel 2016 in Europa sono stati segnalati infatti 297.132 casi di tubercolosi provenienti da 52 paesi, pari a 28 casi per 100.000 abitanti. Di questi, 58.994 afferivano ai 30 paesi UE, con un tasso di incidenza pari a 11,4 casi per 100.000 abitanti. Per l’Italia c’è una buona notizia: abbiamo avuto 4032 casi di tubercolosi nel 2016, un numero molto inferiore rispetto a Germania, Gran Bretagna, e Francia.

In proporzione inoltre, si muore sempre meno. I tassi di mortalità nell’Unione Europea si sono dimezzati in 10 anni, e in Italia siamo stabili su 0,6 decessi per 100 mila. In totale abbiamo avuto 330 morti per TB in Italia nel 2016.

Tuttavia, dal punto di vista delle cure, e quindi anche della mortalità, i due problemi principali oggi della Tubercolosi sono da una parte il connubio con l’HIV e dall’altra le sue forme resistenti ai farmaci. Due problemi che purtroppo spesso si sovrappongono. Il 4,4% dei casi di TB nel 2016 ha riguardato individui con l’HIV: 826 persone. Fra i paesi non UE la percentuale sale al 14%.

Continua su Oggiscienza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...