OggiScienza

Nel libro Perché si dice trentatré, il giornalista Federico Taddia dialoga con Andrea Grignolio su vari aspetti della medicina.

CULTURA – In un mondo pieno di cure miracolose, pseudoscienza, credenze popolari che si sostituiscono all’opinione di medici ed esperti, crescere con solide basi dal punto di vista medico è importantissimo, per diventare un domani adulti consapevoli e in grado di selezionare la qualità dell’informazione. Anche nei momenti di maggiore vulnerabilità, come quando si sta male e ci si tuffa a capofitto nel mare della rete per cercare qualche appiglio, o una valvola di comunicazione.

È a partire da questo presupposto che la collana di Editoriale Scienza “Teste Toste” si arricchisce di un nuovo titolo Perché si dice Trentatré?. In questo nuovo libro, che come sempre per “Teste Toste” è strutturato sotto forma di intervista a un esperto, Federico Taddia dialoga con Andrea Grignolio, docente di Storia della Medicina all’Università…

View original post 282 altre parole

Annunci