OggiScienza

microscope-385364_1280 Una molecola di microRNA legata alla produzione di mielina potrebbe essere un marcatore per identificare in modo precoce la sclerosi multipla. Crediti immagine: Public Domain

SALUTE – Negli ultimi anni l’approccio medico alla sclerosi multipla è incentrato sulla diagnosi precoce. Se fino a dieci anni fa l’idea era quella di iniziare a trattare la malattia solo nel momento in cui si esplicitava, sfruttando il più possibile i momenti di remissione spontanea dei sintomi nelle prime fasi, oggi i clinici sono d’accordo che la patologia debba essere diagnosticata e trattata il prima possibile. Questo cambio di paradigma ha fatto sì che sempre di più la ricerca medica si focalizzasse sul ruolo dei biomarcatori per la malattia, ovvero sostanze “allarme” capaci di anticipare l’insorgenza della malattia o di predirne la progressione.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Milano e dell’IRCCS Ospedale San Raffaele ha individuato una nuova molecola candidata a diventare un…

View original post 818 altre parole

Annunci