Reblogged from WIRED ITALIA

In Italia cinque regioni su 20 non hanno ancora una legge regionale in materia di inquinamento acustico.

Ma quello del rumore da attività produttive, circolazione stradale, ferroviaria e aeroportuale è un problema in crescita, tanto che secondo le stime nel 2014 fra il 20% e il 40% della popolazione italiana che vive nelle aree urbane sarebbe esposta a valori diurnidi LDEN (il descrittore acustico giorno-sera-notte) superiori ai 60-64 decibel e a valori notturni compresi fra 55 e 59 db. Al di sopra dunque delle soglie fissate dal DPCM 14/11/97, che stabilisce per le aree urbane in cui risulti presente anche una significativa vocazione d’uso residenziale, valori limite di immissione inferiori o uguali a 65 dBA in periodo diurno e a 55 dBA in periodo notturno.

A raccontare questi dati è l’ultimo Annuario ISPRA Ambiente.

Read More

Annunci