Ricordi belli e brutti: nei topi seguono circuiti diversi

OggiScienza

7287033916_a718d45e9a_z
SCOPERTE – Un team di neuroscienziati del MIT ha scoperto nei topi i circuiti cerebrali che codificano le esperienze positive e quelle negative. Dopo aver osservato che i due circuiti mostravano un’opposta attività a seconda che si trattasse di ricordi buoni o cattivi, i ricercatori hanno rilevato che questa attività differente provocava comportamenti diversi, legati alla paura o al desiderio di ricompensa.

La ricerca, pubblicata su Nature, ha preso il via da un dubbio, un paradosso: secondo precedenti studi sembrava che una stessa regione del cervello fosse coinvolta in entrambe le reazioni, ma come un’unica regione potesse orchestrare questi comportamenti opposti, cioè la spinta all’evasione dettata dalla paura, e invece l’avvicinamento dettato dal desiderio di ricompensa, non era ancora chiaro.

La domanda era la seguente: come possono i segnali trovare il percorso giusto da seguire al’interno di questo crocevia? Vi è inoltre un legame causale fra l’identificazione…

View original post 288 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...