Tag

, , ,

Reblogged from WIRED ITALIA

È notizia di questi giorni che anche la Pirelli, sarà aquisita da Chem China, l’azienda cinese a controllo statale che dovrebbe diventare socio di maggioranza, ed è solo l’ultimo degli spostamenti di baricentro verso Est. Secondo KPMG nel 2014 l’Italia si è piazzata al sesto posto per attrazione di investimenti cinesi, mentre solo quattro anni prima, nel 2010 non rientrava nemmeno all’interno della top 10.

I rapporti economici fra il nostro paese e la Repubblica Popolare sono sempre più stretti. Lo scorso ottobre il Premier Renzi ha siglato accordi con la Cina per 8 miliardi di euro, tra i quali spicca l’accordo tra Enel e Bank of China grazie al quale il gruppo italiano avrebbe ottenuto potenziali linee di credito per i prossimi cinque anni fino a un miliardo di euro. Durante lo stesso incontro, il premier Cinese Li Kegiang ha dichiarato di essere interessatissimo a potenziare i rapporti con il mercato italiano, in particolare l’import del Made in Italy.

Ad oggi però i rapporti commerciali sono tutt’altro che simmetrici: quello che l’Italia investe e guadagna grazie al mercato cinese è molto, molto di più rispetto alla presenza cinese in Italia, anche se questo comporta in molti casi strategie per avere buoni rapporti con il Governo cinese, come partecipare a viaggi organizzati dal Partito, invitare i funzionari a visitare le aziende, o in alcuni casi istituire gruppi del Partito Comunista all’internodelle aziende.

Read More

Annunci