Binge Eating Disorder, tra farmaci e psicoterapia

OggiScienza

4338271237_1d465abcd8_z
SALUTE – Parlare di disturbi del comportamento alimentare non significa solo anoressia o bulimia. Sempre più spesso significa parlare anche di Binge Eating Disorder (BED), un disturbo che provoca in chi ne è colpito episodi di abbuffate compulsive a qualsiasi ora del giorno o della notte. Secondo la SIMA (Società italiana di Medicina dell’Adolescenza) sarebbero due milioni i giovani a soffrirne in Italia, il 40% di essi tra i 15 e i 19 anni, anche se i primi sintomi possono presentarsi anche già tra gli 8 e i 12 anni.

A differenza di altri disturbi legati al comportamento, che possono venir curati anche senza alcun intervento farmacologico, nel caso dei disturbi alimentari oggi qualsiasi percorso terapeutico prevede nella sua interezza la possibile somministrazione di farmaci, almeno in alcune fasi della terapia.
“I disturbi del comportamento alimentare sono disturbi psichiatrici con importanti manifestazioni psicopatologiche in cui sono spesso presenti complicanze mediche; è…

View original post 479 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...