Farmaci biosimilari, a che punto è l’Europa

OggiScienza

4746653392_cd0676b04a_zSALUTE – Secondo le stime dell’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, in Europa il risparmio annuo dato dall’utilizzo dei medicinali cosiddetti biosimilari, quelli cioè realizzati sulla base di farmaci biotecnologici già in commercio e di cui è scaduto il brevetto, si aggirerebbe intorno ai 2 miliardi di euro, che sempre secondo le stime dovrebbero diventare 20 miliardi da qui al 2020 e 250 miliardi nel decennio 2020-2030. Un risparmio notevole per i vari Sistemi Sanitari Nazionali. Tuttavia a oggi in Italia il mercato dei biosimilari è ancora limitato, sebbene a detta degli esperti, medici e istituzioni, essi non abbiano nulla da invidiare ai farmaci di uso comune. Questo quello che è emerso in un recente rapporto GfK, secondo cui nel 2013 questi farmaci avrebbero rappresentato solamente l’1,2% dei consumi sul mercato europeo sebbene costino molto meno di quelli originatori.
Un farmaco biosimilare non è altro che una versione “successiva” di…

View original post 749 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...