Cacciatori di antimateria

OggiScienza

152732main_image_feature_618_ys_4

SCOPERTE – Una delle grandi questioni intorno all’origine dell’Universo è riuscire a fare sempre più luce sulle particelle che lo componevano e sui processi fisici che hanno portato alla costituzione della materia per come la conosciamo oggi, fatta di protoni, elettroni e molte altre particelle che gli scienziati hanno via via definito nel corso degli ultimi decenni. In altre parole: come si è passati da un Universo primordiale dove convivevano materia e antimateria a uno – il nostro – dove l’antimateria costituisce solo una minuscola parte dell’Universo conosciuto? Proprio per rispondere a queste domande è nato il grande cacciatore di antimateria AMS, Alpha Magnetic Spectrometer, al quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), con lo scopo di cercare l’antimateria nei raggi cosmici.

E proprio una grande collaborazione internazionale come quella di AMS ha permesso un’importante scoperta, i cui risultati sono…

View original post 576 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...