Scuola, perché parlare di inclusione se mancano gli insegnanti di sostegno?

È notizia recente che il Governo ha tagliato i fondi alla scuola a partire dal 2020. Si parla di oltre quattro miliardi di tagli in tre anni, fra cui risorse destinate al sostegno degli alunni in difficoltà. Eppure (dati Istat appena pubblicati) solo una scuola su tre e una su quattro al sud è a … Continua a leggere Scuola, perché parlare di inclusione se mancano gli insegnanti di sostegno?

Annunci

G-START, un nuovo modello per promuovere la salute tra le persone migranti

L’impressione netta che si ha parlando con chi si occupa di salute pubblica e migrazioni è che l’approccio del Decreto Sicurezza sia perdente, in questo ambito più che mai. Perdente per le persone richiedenti asilo, che arrivano da paesi come Sudan ed Eritrea, e perdente anche per noi nativi. La ragione è persino banale per … Continua a leggere G-START, un nuovo modello per promuovere la salute tra le persone migranti

Oggi tre abitanti della Terra su 10 sono cristiani. La geografia religiosa nel 2050

Secondo le stime del noto centro statistico statunitense Pew Research, oggi tre abitanti della Terra su 10 sono cristiani, 2,5 sono musulmani, 1,6 non sono religiosi (perciò nemmeno battezzati) e 1,5 sono indù. 0,7 su 10 sono i buddisti e 0,02 su 10, cioè 2 persone su 1.000 nel mondo, sono ebree. In numero assoluto … Continua a leggere Oggi tre abitanti della Terra su 10 sono cristiani. La geografia religiosa nel 2050

Laurea per i ricchi e apprendistato per i poveri. Il caso del sistema britannico

Appena prima di Natale l’attuale Segretario di Stato per l’Istruzione Britannico, Damian Hinds, conservatore, ha dichiarato in un suo discorso che dobbiamo superare lo snobismo imperante verso l’istruzione professionale. È necessario che chi non può studiare o non desidera farlo, sia incanalato già prima della scelta universitaria verso un apprendistato professionalizzante, possibilmente vicino a casa. … Continua a leggere Laurea per i ricchi e apprendistato per i poveri. Il caso del sistema britannico