OggiScienza

meitnerLIBRI – È celebre la fotografia del Congresso Solvay del 1933. 36 partecipanti di cui tre sole donne. La più minuta sulla destra, che volge lo sguardo all’altro capo del tavolo, è Lise Meitner, la fisica austriaca “madre” della fissione nucleare insieme a Otto Hahn, una delle menti certamente più brillanti della scienza del secolo scorso.

I bambini si sa, amano le storie, e quella raccontata da Simona Cerrato, con le bellissime illustrazioni di Anna Curti, è una storia eccezionale, la vicenda vera di una donna che in un periodo e in un contesto dove alle ragazze era addirittura precluso l’accesso all’istruzione superiore (se non da “privatiste”, diremmo oggi: stiamo parlando dell’Austria di fine Ottocento) e che comunque anche una volta laureate non avevano diritto a uno stipendio per la loro attività di ricerca, diventa non solo essa stessa “Herr Professor” stipendiata all’Università di Berlino, ma segna il passo di una

View original post 371 altre parole

Annunci