OggiScienza

research-66365_1280

CRONACA – L’idea è stata quella di creare una sorta di officina tecnologica dove sperimentare idee innovative nei campi della fotonica, della nanoelettronica, delle biotecnologie e della medicina impiegando nuovi materiali. Il tutto basato sull’utilizzo di micro-dispositivi e sensori della dimensione di un granello di polvere.
Con questi obiettivi è nato PoliFab, il nuovo laboratorio del Politecnico di Milano, un incubatore di progetti non solo interni al Politecnico ma anche provenienti da realtà aziendali esterne. Ne abbiamo parlato con il suo direttore, Andrea Lacaita, docente ordinario di elettronica del Politecnico.

“Il laboratorio è stato appena inaugurato – racconta Lacaita – ma abbiamo già alcuni progetti in corso. Il primo riguarda il settore della salute e ha come obiettivo lo sviluppo i nuovi sensori che permettano la diagnosi precoce dei tumori, attraverso l’individuazione delle mutazioni genetiche cancerogene.” Questo progetto è nato in collaborazione con l’IFOM, Istituto…

View original post 431 altre parole

Annunci