Sindrome di Rett: dove saremmo senza la sperimentazione animale

OggiScienza

2526638776_8d44ca926d_z

CRONACA – Le mozioni sulla “regolamentazione” della sperimentazione animale stanno scaldando giustamente gli animi. Da una parte c’è chi augura “felici metodi alternativi a tutti” e dall’altra chi afferma che queste decisioni “comprometteranno il futuro della ricerca biomedica italiana”. Pare che uno dei pomi della discordia sia il fatto che la ricerca medica scelga di utilizzare modelli animali quando in realtà vi sono dei metodi alternativi, gli stessi che la scienza chiama “metodi complementari”.
Quale che sia la posizione di ognuno di noi in merito, è bene evidenziare che vi sono dei casi in cui fare ricerca senza l’ausilio dei modelli animali è impensabile.
Una di queste è la sindrome di Rett, una malattia neurodegenerativa rara e molto grave che colpisce principalmente le bambine. Al momento non esiste una cura per la sindrome di Rett, ma in tutto il mondo non si smette di fare ricerca per mettere a punto…

View original post 883 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...