OggiScienza

pills-384846_1280SALUTE – L’avevamo raccontato un mese fa, nello speciale di OggiScienza dedicato alla fibrosi cistica: statisticamente, fra le persone sedute nel vagone di un treno, almeno una persona potrebbe essere un portatrice sano del gene per la fibrosi cistica, senza saperlo. Una malattia rara che poi così rara non è, circa 6000 sono i malati in Italia, e dalla quale non si guarisce, ma con la quale si può al massimo imparare a convivere.

Questo fino a oggi, perché il 4 maggio l’AIFA ha annunciato l’approvazione di un farmaco in grado di intervenire non solo sui sintomi della malattia, che provoca enormi problemi respiratori, ma su alcune delle sue cause. Una terapia che non agisce sulle manifestazioni cliniche ma all’origine del meccanismo, migliorando il funzionamento della proteina difettosa.

Il farmaco si chiama KALYDECO™ (ivacaftor), è prodotto da Vertex Pharmaceuticals (Italia) Srl, “e rappresenta una svolta…

View original post 667 altre parole

Annunci